Scritto da rovaio    Mercoledì 13 Ottobre 2010 19:05    PDF Stampa E-mail
WWF : di questo passo serve un nuovo pianeta per il 2030
Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 

L'impronta ecologica dell'uomo sul pianeta oggi e di gran lunga superiore alle capacita' della Terra di rigenerarsi: se si continua in questa direzione entro il 2030 avremo bisogno di un altro pianeta per soddisfare i nostri bisogni.

E' il grido di allarme che lancia il Wwf alla presentazione mondiale dello studio biennale 'Living Planet Report 2010' sullo stato di salute del pianeta realizzato dal Wwf in collaborazione con la Zoological Society di Londra e il Global Footprint Network.

Dal 1966 a oggi l'impronta ecologica dell'uomo -ovvero la domanda di risorse naturali necessarie per le nostre attivita'- e' raddoppiata, quella idrica e' in costante aumento con impatti e ricadute su fiumi e falle acquifere, e se si considera non solo il consumo pro capite ma anche l'acqua 'virtuale' contenuta nei prodotti commercializzati, la situazione si fa drammatica.

Per Gianfranco Bologna, direttore scientifico dell Wwf Italia "la situazione sempre piu' grave in cui versano i sistemi naturali del pianeta a causa della nostra pressione dimostra l'insostenibilita' dei modelli economici attuali".

A una settimana dall'apertura della conferenza sulla Biodivesita' di Nagoya in Giappone, il rapporto biennale Wwf 'Planet Living Report 2010' fotografa lo stato di salute del pianeta e indica le soluzioni per invertire subito la rotta.

La perdita di biodiversita' "e' sintomo e sinonimo del cattivo stato di salute degli ecosistemi", si legge nel dossier, "e implica un peggioramento dei servizi eco-sistemici che sono alla base della nostra vita e del nostro benessere: la fornitura di cibo, di materie prime e di medicine". Basti pensare, sottolineano dal Wwf, "che circa il 75 per cento delle 100 principali colture a livello mondiale fa affidamento sugli impollinatori naturali.

Misurando ad esempio le aree necessarie a fornire le risorse che utilizziamo, la superficie occupata dalle infrastrutture e quella necessaria ad assorbire i rifiuti che produciamo, basterebbe che ogni abitante del pianeta si 'accontentasse' di 1,8 ettari globali per vivere entro i limiti della capacita' del pianeta, mentre la stragrande maggioranza dei Paesi, soprattutto le nazioni piu' ricche, superano di gran lunga questa misura arrivando a picchi di oltre 10 ettari globali pro capite".

 Tra i 10 Paesi con l'impronta ecologica pro-capite piu' 'pesante' ci sono: Stati Uniti, Emirati Arabi Uniti, Belgio e Canada. Ma anche l'Italia non brilla in 'leggerezza': a ciascun italiano servono ben 5 ettari globali per soddisfare il proprio stile di vita, un valore equivalente alla capacita' produttiva di 2,8 pianeti, che porta il Belpaese al 29esimo posto della poco lodevole classifica, subito dopo Germania, Svizzera e Francia.

Complessivamente i 31 Paesi dell'Ocse, che includono le economie piu' ricche del mondo, sono responsabili di circa il 40% dell'impronta globale. Per il Wwf, se si considera che nel 2050 la popolazione del pianeta raggiungera' i 9 miliardi, l'imperativo per tutti e' investire nella Green Economy per rientrare nel limiti del pianeta.

fonte http://www.affaritaliani.it

 

Pianeta Terra

Dopo il vulcano...la fine del mondo

È bastata l’eruzione del vulcano Fimmvorduhals perché l’Europa finisse nel caos e le nubi che ne sono scaturite paralizzassero il traffico aereo creando una situazione di grave disagio di cui...

Pianeta Terra | Rocco | Mercoledì, 21 Aprile 2010

Leggi tutto
100%
-
+
1
Show options

Ufo e alieni

ESSERE LUMINOSO GETTA PANICO SULL'AUTOBUS

News image

Tutto è accaduto alle 5 del mattino del giorno 1° marzo 2010.All’interno di un autobus interurbano, che collegava Iquique a Santiago, mentre si trovava nellaregione costiera di Raracapà, avvenne qualcosa...

Ufo e alieni | antipattern | Sabato, 27 Marzo 2010

Leggi tutto
100%
-
+
1
Show options

Teorie e possibili scenari sul 2012

100%
-
+
1
Show options

Astronomia, scienze e tecnologia

Ente spaziale Russo: 1000 Asteroidi verso la Terra

News image

1.000 asteroidi minacciano la Terra, Gli scienziati russi preoccupati: 150 oggetti con dimensioni superiori a 1 Km. Quello che preoccupa maggiormente è 99942 Apophis

Astronomia, scienze e tecnologia | antipattern | Venerdì, 29 Ottobre 2010

Leggi tutto
100%
-
+
1
Show options

Religione misteri e profezie

Le inquietanti profezie di Baba Vanga

News image

Vanga (Vangelia) Pandeva e' nata il 31 gennaio 1911. E' morta l'11 agosto 1996. Viveva nella citta' di Petrich, Bulgaria. E' stata sepolta in un cimitero della Chiesa Santa Petca...

Religione Misteri e Profezie | rovaio | Sabato, 27 Febbraio 2010

Leggi tutto
100%
-
+
1
Show options

Mondo del paranormale

Foto dell'anima che lascia il corpo

Queste immagini sono state diramate dal Dr Kostantin Korotkov che, ha dichiarato lo scienziato russo, mostrano il momento in cui l' anima abbandona il corpo alla morte di un individuo....

Mondo del paranormale | rovaio | Venerdì, 12 Febbraio 2010

Leggi tutto
100%
-
+
1
Show options

Your are currently browsing this site with Internet Explorer 6 (IE6).

Your current web browser must be updated to version 7 of Internet Explorer (IE7) to take advantage of all of template's capabilities.

Why should I upgrade to Internet Explorer 7? Microsoft has redesigned Internet Explorer from the ground up, with better security, new capabilities, and a whole new interface. Many changes resulted from the feedback of millions of users who tested prerelease versions of the new browser. The most compelling reason to upgrade is the improved security. The Internet of today is not the Internet of five years ago. There are dangers that simply didn't exist back in 2001, when Internet Explorer 6 was released to the world. Internet Explorer 7 makes surfing the web fundamentally safer by offering greater protection against viruses, spyware, and other online risks.

Get free downloads for Internet Explorer 7, including recommended updates as they become available. To download Internet Explorer 7 in the language of your choice, please visit the Internet Explorer 7 worldwide page.