Scritto da paolo    Martedì 08 Giugno 2010 18:45    PDF Stampa E-mail
Corea del Nord : una "catastrofe" umanitaria,ma perchè nessuno ne parla?
Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

Oggi non parleremo di catastrofe ambientali, ne di avvistamenti ufo o di eventi paranormali accaduti di recente. Oggi vogliamo proporvi la storia di un popolo, che sicuramente risulterà ignara a molti ma che sta vivendo e vive ormai da mezzo secolo in una condizione a dir poco paragonabile all'età del medioevo, stiamo parlando della Corea del Nord.

In molti avranno notizie frammentarie,altri ne sono completamente all'oscuro, ma vi assicuriamo che questa nazione versa in una situazione a dir poco catastrofica, un dramma mondiale che tutti sembrano ignorare.

A testimonianza di quello che stiamo affermando riportiamo pezzi di articoli che trattano l'argomento e che fanno capire il grado di follia che regna in questa nazione.

"La Corea del Nord è il peggiore Paese del mondo dal punto di vista dei diritti umani. Su ventitré milioni di abitanti conta duecentomila prigionieri politici in campi “di rieducazione” da cui di rado si esce vivi. Almeno la metà, centomila, ci è finita perché sorpresa a praticare una qualche forma di religione. È permesso solo il culto messianico dell’attuale “caro leader” Kim Jong Il e del padre Kim Il Sung (1912-1994), un vero e proprio nuovo movimento religioso su base comunista. Più di metà dei bambini muoiono prima di diventare adulti: 51,34%, la più alta percentuale del mondo. Da quando Kim Kong Il ha assunto la presidenza, i morti per fame sono intorno ai quattro milioni, in un Paese che non sarebbe privo di risorse naturali – ne ha perfino di più della ricca Corea del Sud – ma è gestito da un regime comunista inetto e paranoico. Il poco che si riesce a produrre è venduto per sostenere spese militari fra le più alte del mondo e mantenere il più grande esercito, in proporzione al numero dei cittadini, dell’orbe terracqueo.

Della Corea del Nord si sa pochissimo. Chi la visita è sempre accompagnato, da due guide che si sorvegliano a vicenda, a vedere quasi solo quartieri della capitale Pyongyang costruiti a uso e consumo degli stranieri. Il velo è stato squarciato, da diversi anni, dagli articoli di una coraggiosa giornalista del Los Angeles Times, Barbara Demick, premiati dall’organizzazione internazionale di giornalisti Overseas Press Club come i migliori testi al mondo nel campo dei diritti umani e ora raccolti in un volume, Nothing to Envy. Ordinary Lives in North Korea (“Nulla da invidiare. Vite ordinarie in Corea del Nord”, Spiegel & Grau, New York 2009). La Demick è stata più volte in Corea del Nord, ma ammette che non è da questi viaggi – con le solite due guardie del corpo – che ha capito come stanno le cose. È nelle regioni della Cina che confinano con la Corea del Nord dove arrivano i profughi, e nei quartieri di Seoul dove vivono i fuggitivi dal Nord, che la giornalista ha potuto raccogliere una serie di storie terribili.

Il libro parte da un’esperienza che confesso di avere fatto anch’io. Per chi la sorvola in aereo la Corea del Nord è l’unico Paese di cui si vedono i confini. A Ovest e a Est c’è il mare, ma a Nord c’è la Cina e a Sud la Corea del Sud, che di notte brulicano di mille luci. La Corea del Nord rimane un “buco nero”, senza illuminazione di notte, salvo un puntino che indica la capitale Pyongyang o meglio il quartiere dove vivono il “caro leader” e gli altri gerarchi del regime. Un mondo buio, dove oltre all’illuminazione notturna è vietato Internet, sono vietati i telefoni cellulari, la radio e la televisione sono piombate sui soli canali del regime, i giornali danno notizia quasi solo dei discorsi degli esponenti del partito – molti nordcoreani non conoscono ancora oggi i fatti dell’11 settembre 2001 – e a un certo punto si è pensato di vietare perfino gli orologi, anche se questi stanno cautamente ricomparendo.

L’elemento che domina le storie della Demick è la fame. La maggioranza dei familiari dei profughi che ha incontrato è morta di fame. Da scene di cannibalismo alla prostituzione di donne di ogni età per assicurarsi anche solo un pugno di riso dai militari o dai funzionari che ce l’hanno, il racconto è agghiacciante. Non meno impressionante è la repressione: si rischia il campo di rieducazione e talora la pena di morte se si sorride a una battuta sul regime, non si piange al ricordo di Kim Il Sung, e soprattutto se ci s’interessa alla religione. Anche avere avuto un padre o un nonno cristiano porta a essere considerati di “sangue impuro”, cittadini di serie B per sempre.

Molti nordcoreani che non sanno nulla del mondo esterno ripetono una canzone obbligatoria secondo cui non hanno “nulla da invidiare”. Credono che altrove si muoia di fame come e peggio che nel loro Paese e che davvero il “caro leader” faccia il possibile per loro. Negli ultimi anni alcuni si procurano cellulari o radio clandestine con cui ricevono notizie dall’estero. Se si fanno scoprire, rischiamo la pena di morte; ma se sopravvivono la fuga diventa lo scopo della vita. Se riescono a fuggire in Cina quasi solo le Chiese e comunità cristiane li aiutano – in genere passando dalla Mongolia, il cui governo è disposto a dare una mano – a raggiungere la Corea del Sud. Dove la vita non è facile: ma la fede, che invano il governo nordcoreano ha cercato di estirpare totalmente, aiuta molti a cominciare una vita nuova, lontano dagli orrori di un regime che incredibilmente trova ancora in Occidente qualche difensore e ammiratore."

fonte http://www.cesnur.org/2010/mi_corea-nord.html

Ci sarebbe da aggiungere molto molto altro, documentandosi su internet si trovano veramente informazioni agghiaccianti sullo stato in cui versano 23 milioni di persone. Ma il tutto viene ignorato.

Gli stessi americani che si professano come i portatori della democrazia dove non c'è non si sono mai interessati della situazione di questo paese. Forse perchè non ci sono giacimenti petroliferi da controllare o perchè si teme la Cina che ha notevole influenza politica ed economica in questi territori?

Questo non ci è dato saperlo ma una cosa è certa, si tende ad oscurare la situazione un pò come si fa con tutte le cose che non conviene far conoscere, gli Ufo ne sono un'esempio lampante.

Commenta la notizia sul nostro Forum

Ultimo aggiornamento ( Martedì 08 Giugno 2010 19:35 )
 

Pianeta Terra

100%
-
+
1
Show options

Ufo e alieni

100%
-
+
1
Show options

Teorie e possibili scenari sul 2012

100%
-
+
1
Show options

Astronomia, scienze e tecnologia

100%
-
+
1
Show options

Religione misteri e profezie

100%
-
+
1
Show options

Mondo del paranormale

Foto dell'anima che lascia il corpo

Queste immagini sono state diramate dal Dr Kostantin Korotkov che, ha dichiarato lo scienziato russo, mostrano il momento in cui l' anima abbandona il corpo alla morte di un individuo....

Mondo del paranormale | rovaio | Venerdì, 12 Febbraio 2010

Leggi tutto
100%
-
+
1
Show options

Your are currently browsing this site with Internet Explorer 6 (IE6).

Your current web browser must be updated to version 7 of Internet Explorer (IE7) to take advantage of all of template's capabilities.

Why should I upgrade to Internet Explorer 7? Microsoft has redesigned Internet Explorer from the ground up, with better security, new capabilities, and a whole new interface. Many changes resulted from the feedback of millions of users who tested prerelease versions of the new browser. The most compelling reason to upgrade is the improved security. The Internet of today is not the Internet of five years ago. There are dangers that simply didn't exist back in 2001, when Internet Explorer 6 was released to the world. Internet Explorer 7 makes surfing the web fundamentally safer by offering greater protection against viruses, spyware, and other online risks.

Get free downloads for Internet Explorer 7, including recommended updates as they become available. To download Internet Explorer 7 in the language of your choice, please visit the Internet Explorer 7 worldwide page.