Scritto da rovaio    Sabato 20 Febbraio 2010 15:24    PDF Stampa E-mail
Condotti studi sulle esperienze premorte
Valutazione attuale: / 6
ScarsoOttimo 

Esperienze premorteDurante gli arresti cardiaci l'attività della radice cerebrale è persa rapidamente. Essa non dovrebbe essere in grado di sostenere dei processi lucidi o permettere la formazione di ricordi durevoli.

Esiste la necessità, di un largo e esaustivo studio che sia in grado di dirci se la mente è prodotta dal cervello o se è una entità separata.
Se la seconda ipotesi fosse corretta questo porterebbe a conseguenze quasi inimmaginabili.
I medici che hanno trovato la prima prova scientifica a sostegno del possibile proseguimento dell'esistenza dopo questa vita hanno costituito una fondazione di beneficenza per approfondire lo studio sulla mente umana in prossimità della morte.

I ricercatori dell'Università di Southampton hanno appena pubblicato un articolo scientifico in cui vengono esposti i dettagli relativi ai loro studi sulle esperienze di pre-morte, studi che sembrerebbero supporre che la coscienza e la mente possano continuare ad esistere dopo che il cervello ha cessato di funzionare e il corpo è dichiarato clinicamente morto.

Dacci il tuo parere su questo ed altri argomenti che troverai all'interno del nostro Forum di ufo, alieni, mondo del paranormale e misteri in generale

Il gruppo di ricerca ha trascorso un anno studiando i casi di persone rianimate in seguito ad un arresto cardiaco nel General Hospital di Southampton. I pazienti oggetto dello studio erano stati tutti dichiarati, per periodi di tempo differenti, clinicamente morti in quanto privi di polso, con assenza di respirazione e pupille fisse e dilatate.
Indipendenti studi riguardanti l'encefalogramma hanno confermato che l'attività elettrica del cervello, e quindi il suo funzionamento, cessano in quel momento. Ciò nonostante, sette dei 63 pazienti di Southampton sopravvissuti all'arresto cardiaco (pari all'11%) ricordano emozioni e visioni avvenute durante il periodo di incoscienza.

Il Dott. Sam Parnia, co-autore dello studio, è uno dei quattro amministratori della Horizon Research Foundation. Egli afferma "Lo scopo della fondazione è duplice. In primo luogo, ci rivolgiamo sia alle figure professionali, sia a coloro che hanno indagato o cercheranno di approfondire le proprie ricerche, in modo da offrire una fonte divulgativa sulle esperienze e sulle questioni aperte concernenti la fine della vita.

Pubblicheremo un pacchetto informativo e per un abbonamento di dieci sterline i sottoscrittori saranno tenuti aggiornati sugli ultimi sviluppi attraverso newsletter periodiche e attraverso il nostro sito web.

Organizzeremo inoltre seminari e conferenze per informare gli interessati. Ogni sterlina guadagnata sarà utilizzata per svolgere ulteriori ricerche scientifiche sulla mente umana al termine della vita."
Nello studio condotto a Southampton i 63 sopravvissuti ad attacchi cardiaci sono stati intervistati entro una settimana dall'infarto; è stato chiesto loro se ricordassero qualcosa del periodo in cui non erano stati coscienti.
Sette dei sopravvissuti hanno riportato qualche esperienza di pre-morte e quattro pazienti (il 6%) hanno superato i rigidi criteri di Greyson generalmente usati per diagnosticare le esperienze di pre-morte.+

Essi ricordano esperienze di pace e di gioia, una sensazione di tempo accelerato, sensi intensificati, perdita di consapevolezza del proprio corpo, la visione di una luce bianca, l'ingresso in un altro mondo, l'incontro con un essere mistico o con parenti defunti, e la sensazione di giungere in un punto di non ritorno.

Questo fa sorgere la domanda su come questi pensieri lucidi possano accadere quando il cervello è clinicamente morto. Il Dott. Parnia, ricercatore associato della clinica universitaria e ufficiale civile, afferma: "Il punto principale delle esperienze di pre-morte risiede nella comprensione della relazione esistente tra cervello e mente; questo è rimasto un punto aperto nel dibattito contemporaneo che avviene in ambito filosofico, psicologico e neuroscientifico.

A livello scientifico si conosce molto poco dell'esperienza soggettiva della morte, della natura della mente umana e del suo risultato durante la morte clinica. Questo campo sta assumendo notevole importanza nella medicina.
Ciò che abbiamo trovato ha la necessità di essere investigato in uno studio più ampio. Ma qualora i risultati venissero replicati ciò comporterebbe il fatto che la mente può continuare ad esistere dopo la morte del corpo, o in una vita futura."

Casi di esperienze pre-morte sono stati trovati in molte culture diverse e in diversi periodi storici; è stimato che circa il sei percento delle persone che hanno sofferto di un arresto cardiaco hanno provato tali esperienze.
Attualmente esistono tre spiegazioni per questi casi.

La prima è fisiologica; le allucinazioni che il paziente sperimenta sarebbero causate da una alterato stato chimico del cervello dovuto a trattamenti farmacologici, a carenza di ossigeno o cambiamenti dei livello di anidride carbonica.
Nello studio condotto a Southampton nessuno dei quattro pazienti con esperienze di pre-morte ha subito una bassa ossigenazione o è stato sottoposto a combinazioni farmacologiche inusuali durante la propria rianimazione.

Una seconda spiegazione sostiene che le esperienze fuori dal corpo (N.d.T. OOBE out of body experience), esperienze vivide di tunnel, di luci o di parenti defunti sarebbero costruite dalla mente per facilitare il processo della morte.

Il Dott. Parnia, aggiunge: "Le caratteristiche delle esperienze pre-morte di questo studio non sono assimilabili a confuse allucinazioni, in quanto sono altamente strutturate, con un impianto narrativo, facilmente ricordate e chiare."

La terza possibile spiegazione è metafisica, le esperienze di pre-morte vengono viste come indice della continuazione della vita dopo la morte. Tutti e quattro i pazienti oggetto dello studio svolto a Southampton si sono dichiarati cristiani sebbene nessuno si è definito come praticante - uno ha detto di essere pagano - e nessuno ha visto figure di tipo religioso durante le proprie esperienze di pre-morte.

Dott. Parnia, ha aggiunto: "Durante gli arresti cardiaci l'attività della radice cerebrale è persa rapidamente. Essa non dovrebbe essere in grado di sostenere dei processi lucidi o permettere la formazione di ricordi durevoli.
Esiste la necessità, di un largo e esaustivo studio che sia in grado di dirci se la mente è prodotta dal cervello o se è una entità separata. Se la seconda ipotesi fosse corretta questo porterebbe a conseguenze quasi inimmaginabili."

Fonte mednat.org

Dacci il tuo parere su questo ed altri argomenti che troverai all'interno del nostro Forum di ufo, alieni, mondo del paranormale e misteri in generale

Ultimo aggiornamento ( Venerdì 05 Marzo 2010 23:55 )
 

Pianeta Terra

Corea del Nord, sta per scoppiare la terza guerra mondiale?

News image

Alla luce degli avvenimenti di questo periodo, con le tensioni createsi dopo l'affondamento di una corvetta sudcoreana da parte di un missile nordcoreano, riporto un articolo che ho trovato...

Pianeta Terra | paolo | Mercoledì, 26 Maggio 2010

Leggi tutto
100%
-
+
1
Show options

Ufo e alieni

Mistero di Roswell, Mitchell afferma : "Gli extraterrestri esistono"

News image

Gli extraterrestri esistono, ma Stati Uniti e Governi di altri paesi tengono nascosta la verità. Parola dell'ex astronauta americano Edgar Mitchell (ex Apollo 14), che ne ha parlato alla quinta...

Ufo e alieni | rovaio | Martedì, 16 Febbraio 2010

Leggi tutto
100%
-
+
1
Show options

Teorie e possibili scenari sul 2012

100%
-
+
1
Show options

Astronomia, scienze e tecnologia

100%
-
+
1
Show options

Religione misteri e profezie

Trentamila italiani al giorno in fila dai maghi

E' overdose da mago. Sono infatti 30 mila gli italiani che ogni giorno sentono la necessità di consultare un mago o un astrologo. Lo rileva una ricerca presentata dall'Osservatorio Antiplagio...

Latest | rovaio | Lunedì, 1 Febbraio 2010

Leggi tutto
100%
-
+
1
Show options

Mondo del paranormale

Condotti studi sulle esperienze premorte

News image

Durante gli arresti cardiaci l'attività della radice cerebrale è persa rapidamente. Essa non dovrebbe essere in grado di sostenere dei processi lucidi o permettere la formazione di ricordi durevoli. Esiste...

Mondo del paranormale | rovaio | Sabato, 20 Febbraio 2010

Leggi tutto
100%
-
+
1
Show options

Your are currently browsing this site with Internet Explorer 6 (IE6).

Your current web browser must be updated to version 7 of Internet Explorer (IE7) to take advantage of all of template's capabilities.

Why should I upgrade to Internet Explorer 7? Microsoft has redesigned Internet Explorer from the ground up, with better security, new capabilities, and a whole new interface. Many changes resulted from the feedback of millions of users who tested prerelease versions of the new browser. The most compelling reason to upgrade is the improved security. The Internet of today is not the Internet of five years ago. There are dangers that simply didn't exist back in 2001, when Internet Explorer 6 was released to the world. Internet Explorer 7 makes surfing the web fundamentally safer by offering greater protection against viruses, spyware, and other online risks.

Get free downloads for Internet Explorer 7, including recommended updates as they become available. To download Internet Explorer 7 in the language of your choice, please visit the Internet Explorer 7 worldwide page.